Firenze capitale d’Italia. Ricorre l’anniversario dei 150 anni

Come molti di voi sapranno la capitale d’Italia non è stata sempre Roma. Prima di essa, nel processo che ha portato alla formazione e definizione del Regno di Italia, sono state capitali anche Torino (dal 1861 al 1865) e successivamente Firenze (dal 1865 al 1871).

Il capoluogo toscano in quegli anni venne rivoluzionato a livello architettonico e soprattutto a livello urbanistico per dare alla città una configurazione più moderna. Risale a quegli anni la realizzazione dei grandi viali, detti di “circonvallazione”, che ebbero lo scopo di creare un tessuto di strade più adeguate ad una capitale nazionale e che ancora oggi, ovviamente con le difficoltà provocate dal traffico contemporaneo, permettono a cittadini e turisti di raggiungere le estremità del centro cittadino evitando di attraversarlo (cosa che risulterebbe davvero impossibile…). Un intervento che provocò l’abbattimento di larga parte delle mura trecentesche di Arnolfo (oggi visibili solo in piccole porzioni).

Interi quartieri del centro storico vennero demoliti e al loro posto ne nacquero di nuovi. Il ghetto ebraico fu completamente sventrato, perché considerato poco idoneo, e la piazza del mercato trasformata nella moderna ed elegante Piazza della Repubblica, uno dei pochi esempi di architettura ottocentesca della città.

All’epoca, come spesso accade in caso di ristrutturazioni e cambiamenti radicali, molti intellettuali si lamentarono delle pesanti modifiche in atto, in quanto progettate e realizzate, secondo il loro parere, senza il dovuto rispetto per il patrimonio storico-artistico della città. L’intera Commissione conservatrice delle Belle Arti e Monumenti della città si dimise, ma alla fine buona parte dei lavori venne realizzata.

Oggi tutte le modifiche attuate sono ormai parte integrante della storia di Firenze e sono anch’esse ricchezza del patrimonio artistico della città. Quest’anno ricorre il 150° anniversario e per celebrare l’evento sono previste mostre, incontri ed altre iniziative speciali che si susseguiranno lungo tutto l’arco dell’anno.