Il gelato è nato a Firenze?

L’orgoglio fiorentino ci porterebbe a rispondere “sì”, il gelato è nato a Firenze. Quest’affermazione non è del tutto falsa, ma non è nemmeno del tutto vera…

Firenze ha avuto una parte importante nella sua evoluzione, ma il gelato ha origini antiche (basti pensare che il termine sorbetto viene dall’arabo antico “sherbet”).

Comunque se il gelato è così come lo mangiamo oggi lo si deve senza dubbio a due personaggi fiorentini del 1500, molto diversi tra loro ma accomunati da un comune destino: un pollivendolo fiorentino di nome Ruggeri e il ben più conosciuto Bernardo Buontalenti, architetto, scultore, pittore, ingegnere militare e scenografo alla corte dei Medici.

1. Ruggeri prese parte ad una competizione tra cuochi indetta dai Medici, con tema “il piatto più singolare che si fosse mai visto” e decise di preparare un “dolcetto gelato” attingendo a ricette ormai quasi dimenticate e apportando alcune modifiche. Non si conoscono con precisione tutti gli ingredienti usati, ma si pensa che tra gli altri ci fossero il ghiaccio, la frutta, lo zucchero e le uova. Fatto sta che la sua ricetta conquistò la giuria e la corte, in particolare Caterina de’ Medici.

2. Buontalenti nel 1565 fu incaricato di organizzare una festa per gli ambasciatori spagnoli, ospiti del Duca di Toscana a Firenze. Bernardo, creativo poliedrico, inventò una nuova ricetta a base di latte, miele, tuorlo d’uovo, aggiunse un tocco di vino e aromatizzò il tutto con gli agrumi. Il prodotto piacque tantissimo agli ospiti di Spagna e divenne presto polare.

In definitiva lo possiamo dire (con una punta di orgoglio): il gelato è nato a Firenze! Ergo: se volete mangiare un buon gelato artigianale dovete venire nel capoluogo toscano.

Appunti di viaggio:

Per essere più precisi vi consigliamo 5 gelaterie artigianali del centro da leccarsi i baffi. Intendiamoci: ce ne sono molte altre molto buone e conosciute dai cittadini, ma queste sono state scelte in base alla qualità del prodotto e alla loro posizione centrale. Non è una classifica, ma un semplice elenco:

1. Perché no!
Via Tavolini 19r, una traversa di via de’ Calzaiuoli
In pieno centro, gelateria semplice e storica, gusti buoni e delicati.

2. Carabè
Via Ricasoli 60/r, la strada che porta dal Duomo alla Galleria dell’Accademia
I gusti alla frutta sono speciali. Da provare anche le granite.

3. La Carraia
piazza Nazario Sauro, 25, appena attraversato il Ponte alla Carraia
In Oltrarno, molto frequentata ed apprezzata dai fiorentini: indice di qualità.

4. Gelateria de’ Neri
Via dei Neri 26, la via che dal retro di Palazzo Vecchio porta verso il quartiere di Santa Croce
Grande varietà di scelta. Gusti molto cremosi e saporiti.

5. Gelateria Santa Trinita
Piazza Frescobaldi, 11-12/r, appena passato il ponte Santa Trinita
Anche questa in Oltrarno, ottimo mix tra tradizione ed innovazione di gusti.

Leave a Comment

Your email address will not be published. All fields are required.